martedì 5 agosto 2008

Fumo: arriva la sigaretta che si spegne da sola

Pressioni dell' Ue per introdurla sul mercato: "Si possono salvare più di 2000 vite"

L’Unione Europea intende introdurre sul mercato una sigaretta che si spegne da sè nel giro di un minuto, se il fumatore smette di aspirare. Lo annuncia al quotidiano "Die Welt" il Commissario europeo per la tutela dei consumatori, Meglena Kuneva, secondo cui «l’introduzione delle sigarette che si autospengono permetterà di salvare in Europa oltre 2mila vite all’anno». Anche un funzionario di Bruxelles si è detto entusiasta della trovata tecnica dopo averla sperimentata personalmente. «Abbiamo fatto noi stessi una prova in ufficio - ha detto - e dopo un minuto senza aspirarla la sigaretta si è spenta da sè». A rendere possibile l’autospegnimento sono due strati di cellulosa o alginato, un sale di acido alginico dal sapore neutro, che spruzzati sul tabacco della sigaretta tolgono l’aria alla brace, non appena si smette di aspirare. Anche le grandi industrie produttrici di bionde hanno dato il loro accordo alle autorità di Bruxelles, secondo le quali il prezzo delle sigarette non dovrebbe aumentare, in quanto i costi del procedimento sarebbero minimi. Nel frattempo la Finlandia sta già preparando una legge riguardante l’introduzione di questa nuova sigaretta, che dovrebbe anche ridurre il pericolo di incendi boschivi dovuti all’inavvertenza di chi lascia cadere i mozziconi accesi. La "Welt" scrive che il Comitato europeo per gli standard normativi (Cen) presenterà le relative proposte tecniche già entro la fine di questo mese, con la decisione definitiva che dovrebbe venire raggiunta in tempi brevi, considerato l’accordo già esistente tra i 27 Paesi dell’Ue e le industrie del tabacco. Grazie al nuovo ritrovato, che dovrebbe arrivare sul mercato entro tre anni, sarà possibile ridurre in maniera determinante o eliminare del tutto i casi di morte per incendio o soffocamento, dovuti ai fumatori che si addormentano a letto con la sigaretta accesa tra le dita.

FONTE: lastampa.it

Nessun commento: