martedì 26 agosto 2008

Il 4 settembre esce Spore, l'ultima creazione di Will Wright

Tutto il web in ebollizione per l'arrivo del videogioco sull'evoluzione

Deve ancora uscire e già è considerato un vero e proprio "fenomeno". Ci sono voluti 5 anni di attesa per poterne vedere le prime immagini. Il suo creatore, Will Wright, lo sviluppatore di Sim City e The Sims, per molti lo Spielberg dei videogiochi, da tre anni era sparito per terminare con il suo team quello che già moltissimi considerano il suo capolavoro assoluto. Si tratta di Spore, il videogioco sull'evoluzione che uscirà in contemporanea mondiale il 4 settembre e che ha scatenato una vera e propria febbre su internet. Qualcuno calcola che siano 5 milioni le pagine web dedicate a questo gioco. Il New Yorker ha paragonato l'attesa per l'uscita di Spore, più volte rimandata perché per il suo creatore (fondatore di Maxis, poi acquisita da Electronic Arts) non era ancora perfetto, a quella che c'era nell'ambiente letterario per la pubblicazione dell'Ulisse di James Joyce.
Le indiscrezioni. In rete si moltiplicano le immagini e le indiscrezioni sull'ultima creatura di Will Wright, in preparazione per Pc, Mac, Nintendo DS e, stando a quanto dice Wright forse anche per Wii, che consente di partire da una spora, cioè da un organismo monocellulare, per arrivare a sviluppare una civiltà in grado di partire alla conquista dello spazio e di colonizzare nuovi mondi. In un unico videogioco, insomma, l'intero ciclo della vita e lo sviluppo della civiltà in mano al giocatore, tanto che sono in molti a parlare di Spore come del gioco nel quale poter simulare l'opera di Dio. Affermazione che negli Usa ha causato polemiche in quanto alla base del gioco, come ha dichiarato lo stesso autore, c'è invece la teoria evoluzionistica.

FONTE: ilmessaggero.it

Nessun commento: