mercoledì 4 febbraio 2009

Riparare il corpo umano con il silicio

Il Silicio, usato principalmente per produrre i chip dei computer, grazie a una scoperta degli scienziati scozzesi potrà essere usato per riparare il tessuto del corpo umano danneggiato

In un pioneristico studio, alcuni scienziati dell’Università di Edimburgo hanno creato delle colture a base di silicio per far crescere cellule neuronali del sistema nervoso umano. Si aprono in questo modo nuove incredibili frontiere nella cura, ma soprattutto nelle rigenerazione, dei nervi e delle fibre muscolari danneggiate. Durante il processo di produzione del chip(frammento) di silicio, ingegneri e scienziati ne hanno stampato un campione su una superficie liscia. Poi il frammento è stato immerso in una speciale miscela a base di proteine. Questo ha permesso ai neuroni di crescere sulla superficie del campione. La tecnica funziona anche con le cellule staminali, che sono alle fondamenta del corpo umano. Ci si auspica che questo metodo un giorno possa essere applicato a un qualsiasi tessuto che poi possa essere impiantato a mo’ di protesi nel corpo. Le protesi con il chip di silicone potrebbero essere utilizzate come nella microchirurgia convenzionale dicono gli scienziati. Il professor Alan Murray, direttore della scuola di Ingegneria ed Elettronica dell’Università di Edimburgo ha detto: “Questo è un piccolo ma importante passo nel percorso verso la meta a lungo termine per molti scienziati e medici che sono impegnati a sviluppare impianti chirurgici usando chip di silicio”. E ha poi aggiunto che spera che questa tecnica permetterà di lavorare meglio nella ricerca riducendo gli esperimenti su modelli animali (la vivisezione). Le ricerche sui nuovi farmaci potrebbero essere fatte su questi chip anziché su creature vive.

FONTE: Luigi Mondo e Stefania Del Principe (lastampa.it)

Nessun commento: