domenica 20 settembre 2009

Google lancia un mercato azionario per inserzioni pubblicitarie on-line


Il servizio permetterà la compravendita di spazi di tipo «display ads» su Internet

Il motore di ricerca Google ha annunciato oggi la creazione di un servizio con cui diventerà intermediario per la compravendita di spazi pubblicitari di tipo «display ads» su Internet. La tecnologia, chiamata DoubleCLick Ad Exchange, creerà una sorta di mercato azionario per le inserzioni pubblicitarie con immagini e testo che affiancano i contenuti delle pagine Web. Le società che comprano pubblicità potranno fare offerte per ottenere spazi in differenti siti Internet, dai blog ai grandi siti societari, in tempo reale e in base a quello che intendono vendere in quel momento. Il modo in cui oggi vengono vendute le «display ads, in anticipo e con lunghe negoziazioni con siti web individuali o network, lascia spesso molti spazi invenduti. Google ritiene che, aumentando la competizione, la nuova tecnologia aiuterà gli inserzionisti ad aumentare i ricavi dalle inserzioni. «Con una moltitudine di formati e migliaia di siti Web, spesso gli inserzionisti impiegano migliaia di ore per pianificare e gestire le loro campagne di "display ad". Con questo grado di complessità, molti inserzionisti oggi abbandonano e non investono quanto vorrebbero», ha scritto sul suo blog Neal Mohan, un vice direttore generale di Google. Google dovrebbe ottenere una parte dei ricavi generati da quel mercato, anche se non è chiara la percentuale. Il colosso di Mountainview ha discusso di questo progetto per mesi con gli investitori e si tratta quindi di uno sviluppo chiave per la società. La tecnologia è stata ereditata dall’acquisizione di DoubleClick per 3,1 miliardi di dollari nel 2007. Se Google è dominante nella ricerca, con il 70% del mercato negli Stati Uniti, nel »display ad« è invece relativamente piccola. Al marzo di quest’anno rappresentava l’1,3% di quel mercato, dietro a Yahoo e ad una serie di altre società Internet, secondo ComScore.

FONTE: lastampa.it

Nessun commento: