giovedì 8 aprile 2010

Dall'India il rimedio naturale contro il colesterolo: il Guggul


Significative riduzioni di LDL e trigliceridi con la resina indiana

Dopo il lievito di riso rosso dalla Cina, anche dall’India arriva un rimedio contro il colesterolo, tipico della tradizione ayurvedica. Forse alcuni lo conoscevano già; le ricerche in merito sono state davvero numerose. Si chiama Guggul, ed è una gommo resina estratta dall’albero di Commiphora mukul una pianta tropicale molto sfruttata in India, appartenente alla stessa famiglia della mirra.

L’oleoresina gommosa estratta per incisione della corteccia della pianta, secondo diversi studi scientifici, è un valido aiuto contro trigliceridi e colesterolo “cattivo” o LDL.
Il principio attivo sarebbe il guggulipide costituito dal gugglsterone E e dal gugglsterone Z, dei composti steroidei che sarebbero in grado di abbassare il livello di lipidi e LDL (dal 14% al 27% in 1-3 mesi) e alzare quelli di HDL (colesterolo buono) anche se il meccanismo d’azione tutto’oggi non è ancora stato chiarito.
In seguito a degli studi svolti nel 1994* ed condotti su 61 pazienti affetti da iperlipemia (un aumento dei lipidi nel sangue) è risultato che i pazienti cui è stato somministrato il guggulipide (100 mg al giorno) per sei mesi hanno mostrato un calo evidente del colesterolo LDL (12,5%) e dei trigliceridi (12%). I pazienti trattati a placebo, invece, non mostravano differenze significative.
In questo studio, come in molti altri, si sono tuttavia verificati alcuni effetti collaterali (seppur rari): nausea, cefalea, gonfiore addominale.

Un altro studio**, invece, mostra come una somministrazione di guggul in forma grezza data ai pazienti obesi, nella dose di 1,5 grammi al giorno per un solo mese, sia riuscita ad abbassare significativamente il tasso di colesterolo (26,2% in meno) e di trigliceridi (36,5% in meno). Durante lo stesso studio è stato somministrato il clofibrato un farmaco che agisce sul metabolismo lipidico adoperato tradizionalmente proprio contro colesterolo elevato e trigliceridi. I pazienti trattati con il farmaco avevano avuto una riduzione leggermente più elevata del colesterolo (31,5%), ma inferiore dei trigliceridi (33%). Anche in questo caso, sono stati registrati dei piccoli effetti collaterali quali diarrea in 5 persone (su 41), cosa che per’altro si è manifestata anche con alcune persone trattate con clofibrato.
Sul guggul vi sono sicuramente molti altri studi che vale la pena seguire e portare avanti per verificare se questo possa essere un valido rimedio naturale contro colesterolo e trigliceridi in grado sostituire efficacemente i farmaci tradizionali.
(lm&sdp)

* Singh R.B. et al. Hypolipidemic and antioxidant effects of Commiphora mukul as an adjunct to dietary therapy in patients with hypercholesterolemia. Cardiovasc. Drugs Ther
** 6)Malhotra S.C. et al. Long term clinical studies on the hypolipidemic effect of Commiphora mukul (Guggulu) and clofibrate. Indian J. Med. Res

FONTE: lastampa.it

Nessun commento: