sabato 17 aprile 2010

Exposanità


Mostra Internazionale al servizio della sanità e dell’assistenza che avrà luogo dal 26 al 29 maggio 2010 presso il quartiere fieristico di Bologna.

Del vasto programma di iniziative che affiancano la componente commerciale di Exposanità fanno parte numerose attività a carattere formativo.

Affidabile Formazione Continua proporrà in occasione della XVII edizione di Exposanità, Mostra internazionale al servizio della sanità e dell'assistenza (Bologna Fiere, 26 - 29 maggio 2010), il progetto educativo FormAzione, articolato in cinque corsi e due workshop:

Laboratorio di posturologia: le basi teorico-pratiche per l’approccio alle metodiche di analisi posturale

Ausili per la rieducazione della postura eretta e del cammino (soggetti adulti-anziani)

Ausili per il passaggio seduto-eretto e per mantenere la stazione eretta

Problematiche miofasciali trattate con la metodica posturale Mignani ed il lettino posturale Mi.To.

Tecar Cellular Regenerator: diatermia e veicolazione transdermica integrate

L’autotrazione: indicazioni pratiche

Utilizzo di sistemi a feedback per il controllo cinematico nella rieducazione del cammino e di altri sistemi funzionali

Le iniziative seguono metodologie didattiche teorico-pratiche e interdisciplinari finalizzate all'acquisizione di specifiche competenze e destinate, di volta in volta, a medici, fisioterapisti, tecnici ortopedici, terapisti occupazionali, massofisioterapisti, osteopati e posturologi.

Laboratorio di posturologia: le basi teorico pratiche per l’approccio alle metodiche di analisi posturale

Le moderne tecnologie, sempre più presenti negli studi professionali sanitari, indicano nuovi percorsi diagnostici basati sulla valutazione dei cambiamenti della postura: pedane stabilometriche, analisi fotografiche antropometriche, analisi podologiche computerizzate forniscono risultati oggettivabili e consentono di qualificare il trattamento riabilitativo che non può prescindere dal considerare il soggetto nella sua globalità, risultante di complessi meccanismi neurofisiologici e biomeccanici ed espressione del modo di vivere le emozioni e i rapporti interpersonali.

Ausili per la rieducazione della postura eretta e del cammino (soggetti adulti-anziani)

Il corso si propone di valutare le indicazioni e di illustrare le opportunità di utilizzo offerte da alcuni ausili durante il programma riabilitativo di patologie croniche nell’adulto e nell’anziano, senza trascurare limiti e controindicazioni.

Verranno presentati gli ausili per il trasferimento della persona dalla posizione distesa o seduta a quella eretta e gli ausili per la postura eretta e la deambulazione assistita o autonoma.

L’utilizzo degli ausili nelle patologie croniche dell’anziano permette un impegno neuromuscolare tale da consentire non solo il mantenimento trofico, ma anche il recupero e la salvaguardia dell’autonomia nelle attività quotidiane.

Ausili per il passaggio seduto-eretto e per mantenere la stazione eretta

Il passaggio alla stazione eretta e il mantenimento della postura, sia a scopo terapeutico, sia funzionale sono tappe significative del percorso riabilitativo: la conoscenza delle basi biomeccaniche del passaggio seduto-eretto (cinematica e cinetica, equilibrio, vincoli) e le diverse soluzioni offerte dai più recenti strumenti tecnologici costituisce una componente importante nella formazione di chi (medici, fisioterapisti, tecnici ortopedici) è alla ricerca di soluzioni riabilitative.

Per limitare i rischi di insuccesso e accrescerne l'efficacia, gli ausili che consentono il recupero della stazione eretta devono essere impiegati in base alla capacità di individuare la soluzione ragionevolmente proponibile per ciascun caso in rapporto con le prospettive evolutive, il programma di riabilitazione, le necessità assistenziali e le capacità del paziente, ma anche in base alle possibilità di adattamento dell’ausilio al soggetto, all'ambiente (struttura assistenziale, riabilitativa o domicilio) e alle caratteristiche somatiche individuali.

Utilizzo di sistemi a feedback per il controllo cinematico, nella rieducazione del cammino e di altri sistemi funzionali

La rieducazione del cammino è una parte consistente del trattamento riabilitativo nelle lesioni del sistema nervoso centrale e la maggioranza di pazienti nei campi neurologico e ortopedico dedica fino all’80% delle sedute terapeutiche al tentativo di migliorare questa funzione.

L’attenzione allo schema del movimento è essenziale nella rieducazione del cammino, come in altri contesti funzionali in quanto porta il paziente a modificare il comportamento motorio patologico.

La necessità di monitorare e amplificare i movimenti di distretti solitamente non controllabili: capo, tronco, bacino, ginocchio, ha portato alla creazione di strumenti in grado di valutare velocemente le asimmetrie, i compensi e le variazioni delle performance del paziente e di programmare esercizi mirati. Quindi, l'utilizzo di sussidi a feedback posizionale risulta particolarmente utile sia come strumento valutativo, sia riabilitativo, in quanto incentra l’attenzione e l'attività del paziente sul distretto compromesso.

FONTE: comunicato stampa di Silvia Tedeschi (Senaf Srl - Via di Corticella 181/3 - 40128 Bologna | Tel. +39 051325511)

Nessun commento: