martedì 15 ottobre 2013

Ed ecco il Viagra masticabile, si prende anche senz'acqua


A pochi mesi dal lancio del farmaco equivalente è ora disponibile una nuova formulazione di Sildenafil per curare il calo di potenza sessuale

Scaduto ormai da mesi il brevetto del Viagra, anche altre case farmaceutiche possono produrre e commercializzare il sildenafil rispettando i requisiti di legge. La molecola dell'amore che aiuta a superare i momenti di debacle e in particolare i deficit di erezione arriva in farmacia sotto altra veste. Ad esempio la pillola in formato masticabile, presentata a Milano, che si preannuncia con un costo del 60% in meno rispetto alla versione azzurrina alla quale siamo abituati. L'originale versione del Viagra, presentata a Milano al convegno intitolato «La seconda vita di Sildenafil», è firmata Doc Generici, un'azienda italiana.

A livello mondiale il mercato dei farmaci contro la disfunzione erettile vale circa 5,5 miliardi di dollari, con l'Europa che rappresenta il 25% del totale. L'Italia, che ha un record di 60 milioni di compresse vendute in 10 anni, è il secondo mercato continentale dopo il Regno Unito, e precede la Germania. Sono numerosi i fattori fisici e psicologici in grado di alterare il meccanismo dell'erezione, tra questi l'età, il fumo, l'abuso di alcol e droghe, l'obesità. Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di disfunzione erettile e, se a questa si sommano i pazienti con diabete mellito, risulta che il 75% dei pazienti con disfunzione erettile sono affetti da queste patologie.
Francesco Montorsi, professore di Urologia al San Raffaele, spiega che la compressa masticabile asseconda i bisogni dei pazienti, tiene conto della componente psicologica ancora presente in questo tipo di disturbo, e viene offerta a un prezzo ridotto a parità di qualità ed efficacia. Resta laraccomandazione di rivolgersi sempre al medico per la soluzione del problema impotenza o calo sessuale, perché per seguire un trattamento senza rischi è sempre bene affidarsi ai controlli di uno specialista. L'amministratore delegato di Doc Generici, Gualtiero Pasquarelli, spiega da parte sua che la politica aziendale ha un duplice merito: rendere accessibile il farmaco favorendo chi ne ha realmente bisogno (anziani, diabetici, cardiopatici) e riportare il business in farmacia arginando il mercato illegale e l'acquisto online.
FONTE: Alessandro Malpelo (qn.quotidiano.net)

Nessun commento: