mercoledì 27 gennaio 2016

Moringa, la pianta "magica" promossa dalla Fao

Moringa, la pianta "magica" promossa dalla Fao
Una coltivazione a cui perfino Fidel Castro tiene molto: sarebbe il segreto della sua cura, racchiuso nelle foglie verdi ricche di vitamine, proteine, minerali e con diverse proprietà antibiotiche

LA SALUTE di Fidel Castro resta ancora avvolta nel mistero, ma sembra esserci un segreto "naturale" dietro le sue cure: la moringa oleifera. Foglie verde smeraldo e fiori bianchi, un sapore che ricorda gli asparagi e un'altezza che può arrivare a dieci metri, è una pianta conosciuta anche con il nome di "albero miracoloso" o "albero della vita". Appartiene alla famiglia delle moringaceae e cresce in India e ai piedi dell'Himalaya, ma viene coltivata per lo più nelle zone tropicali ed equatoriali del pianeta, soprattutto Etiopia, Filippine e Sudan. In Sudamerica si trova a Cuba, nella Repubblica dominicana, in Paraguay e in Argentina. 
Fidel Castro avrebbe una piantagione privata dalla quale "pizzicare" la medicina taumaturgica, tanto che alcune fonti parlano del suo apparire pieno di vitalità nonostante, a 89 anni, abbia subito diversi interventi all'intestino per un presunto, ma smentito, cancro allo stomaco. Sono proprio le foglie di questa pianta ad essere miracolose, considerate un elisir di lunga vita. "moringa, originaria dell'India, è l'unica pianta che ha ogni tipo di amminoacido. Con una corretta gestione, la produzione della foglia verde può superare 300 tonnellate per ettaro in un anno. Ha decine di proprietà medicinali", ha detto Fidel. "I suoi effetti sul sistema digestivo sono molto buoni, come con tutte le piante, oltre alle sue elevate qualità di proteine, ma non si dovrebbero superare i 30 grammi al giorno. So che alcuni ne consumano più in forma di tè, o in polvere, con ottimi risultati grazie anche alle sue qualità sedative che sono utili per il riposo", ha detto il leader cubano, che pensa possa essere decisiva anche nella lotta alla denutrizione. 
 
Cuba sta investendo pesantemente in moringa, con acri e acri piantati e una cooperazione con la Cina attraverso strutture di ricerca nello Yunnan oltre che a L'Avana. "Campioni di semi di diverse varietà sono state fornite agli istituti di ricerca agricola nel nostro Paese. Ci sarà presto modo di conoscere meglio il potenziale di questa pianta". L'istituto di biotecnologia cubano, famoso per la sua ricerca nel campo dell'innovazione medica, ha sviluppato altri vaccini anti-cancro che potrebbero presto diventare disponibili negli Stati Uniti dopo la revoca dell'embargo

FONTE: repubblica.it
  

Nessun commento: