martedì 29 marzo 2016

La molecola che rende iperattivi gli spermatozoi

con_h_25.f005-5924

E li conduce alla meta. Identificata da ricercatori americani, aiuterà nei trattamenti contro l'infertilità maschile e servirà per studiare nuovi contraccettivi.

L'interruttore cellulare che permette agli spermatozoi di aumentare la loro motilità e raggiungere la cellula uovo è stato scoperto da un gruppo di ricercatori statunitensi. Lo studio, finanziato dagli Istituti Nazionali di Sanità americani e pubblicato su Science, potrebbe servire a mettere a punto nuovi metodi contraccettivi, ma anche a trattare i casi di infertilità legati alla salute delle cellule sessuali maschili.

RUSH FINALE. Le limitate capacità di movimento dei flagelli - le "code" - degli spermatozoi non sono sufficienti, da sole, a condurli verso l'ovulo. Affinché raggiungano la meta una volta entrati nel tratto riproduttivo femminile, occorre siano attivati dal progesterone, un ormone rilasciato dalla cellula uovo stessa che dà lo sprint decisivo ai gameti maschili. 

TARGET MIRATO. Per agire correttamente - rivela lo studio - il progesterone deve legarsi alla proteina ABHD2, che si trova sulla membrana cellulare esterna degli spermatozoi. Quando questa è stata disattivata in laboratorio, le cellule sessuali maschili non hanno risposto allo "slancio" dato dal progesterone. 

APPLICAZIONI. Lo sviluppo di molecole in grado di bloccare la ABHD2 potrebbe fornire una nuova classe di contraccettivi che impediscano agli spermatozoi di raggiungere l'ovulo. Al contrario, strategie per potenziare o bypassare questa proteina potrebbero contrastare alcune cause di infertilità maschile.

FONTE: focus.it

Nessun commento: