lunedì 6 giugno 2016

In Italia 33% di morti evitabili se le cure fossero state adeguate

In tutta l’Unione Europea registrati 1,7 milioni di decessi nel 2013. Il tasso più alto in Romania e Lettonia. Quello più basso in Francia

Nell’Ue 1,7 milioni di persone di un’età inferiore ai 75 anni sono morte nel 2013: 577.500 di questi decessi, ovvero il 33,7%, si sarebbero potuti evitare con cure sanitarie ottimali, viste le conoscenze e le tecnologie mediche.  

Le quote più alte dei decessi evitabili in Ue si sono registrate in Romania e in Lettonia, rispettivamente 49,4% e 48,5%, seguite da Lituania 45,4% e Slovacchia 44,6%.  

All’opposto, la Francia ha il tasso più basso 23,8%, seguono Danimarca 27,1%, Belgio 27,5% e Olanda 29,1%. L’Italia è al 33%. Sono i dati di una relazione pubblicata da Eurostat.  
Secondo il rapporto, destinato ad essere usato in un contesto globale di misurazione dell’efficacia del sistema sanitario, 184.800 decessi (sul totale dei 577.500) sono avvenuti per crisi cardiache, mentre 94.000 per accidenti vascolari cerebrali, ovvero circa il 48% del totale delle morti evitabili.  

Il 12% dei decessi sono stati causati dal cancro al colon, il 9% per quello al seno, il 5% per malattie legate all’ipertensione e il 4% per polmoniti.  

FONTE: lastampa.it

Nessun commento: