mercoledì 31 agosto 2016

Inositolo, la molecola che aiuta la fertilità anche a tavola

Inositolo, la molecola che aiuta la fertilità anche a tavola
Il ruolo dell'inositolo

Numerosi studi hanno messo in luce l’effetto positivo dell'inositolo, una sostanza naturale associabile ad uno “zucchero”, nelle donne affette da policistosi ovarica e la sua capacità di migliorare la qualità ovocitaria e quindi, la fertilità. "L'inositolo -  spiega Vittorio Unfer, Professore di Ostetricia e Ginecologia all’Università Ipus, Istituzione di Alta Formazione di Chiasso in Svizzera - ha un effetto positivo sulla funzionalità ovarica ed è utile a correggere i disturbi endocrino-metabolici legati alla sindrome dell’ovaio policistico, quali iperandrogenismo, iperglicemia, aumentata resistenza insulinica. L'inositolo è una molecola che si trova in diverse forme, ma solo due di queste hanno dimostrato dagli studi clinici di essere mediatrici dell’insulina e quindi utili per curare la policistosi ovarica, il Myo-inositolo (MI) e il D-chiro-inositolo (DCI), svolgono il ruolo di secondi messaggeri dell’insulina, con funzioni diverse. Gli studi che abbiamo condotto hanno dimostrato che l’integrazione con MI e DCI in un rapporto fisiologico plasmatico di 40 a 1 ripristina i parametri metabolici delle donne con sindrome dell’ovaio policistico più rapidamente, diventando quindi la terapia più efficace in donne con Pcos sovrappeso o obese".
E' la causa più comune di infertilità femminile e colpisce dal 5 al 10% delle donne in Italia. E' la Sindrome dell'ovaio policistico (Pcos) che attacca non solo le ovaie, ma l'intero sistema endocrinologico e metabolico femminile provocando alterazioni del ciclo mestruale, inestetismi come peluria e acne, sovrappeso o obesità. Ma anche la capacità riproduttiva può essere a rischio. Un aiuto può arrivare dall'inositolo, una sostanza naturale associabile a uno "zucchero" che ha dimostrato di migliorare la qualità ovocitaria nelle donne e quindi, la fertilità. Se ne è discusso in occasione del World Pediatric and Adolescent Gynecology Congress svoltosi di recente a Firenze. E, visto che l'inositolo si trova anche in alcuni alimenti, abbiamo chiesto a Vittorio Unfer, docente di Ostetricia e Ginecologia all'Università Ipus, istituzione di alta formazione di Chiasso (Svizzera), di spiegarci qual è il ruolo dell'inositolo nel trattamento della Pcos e quali sono i cibi da preferire per favorire la fertilità. Piero Filati, biologo nutrizionista, suggerisce poi un menù specifico per chi soffre di questo disturbo e due ricette da provare.

FONTE: repubblica.it

Nessun commento: