martedì 13 dicembre 2016

Tumore al polmone, la scienza punta sull’immunoterapia


Il big killer provoca 1,6 milioni di morti nel mondo, 4 casi su 5 dovuti al fumo. Malattia in aumento fra le donne (34% in più in dieci anni)

Ogni giorno in Italia si registrano più di 110 nuove diagnosi di tumore del polmone, per un totale di 41.300 nuovi casi stimati all’anno, di cui l’80% è provocato dal fumo. Questo big killer, che da solo provoca nel mondo 1,6 milioni di decessi, più morti di cancro al seno, al colon e alla prostata messi assieme, viene individuato in fase avanzata nel 60% dei casi.  
 
La grande speranza per i pazienti risiede oggi nell’immunoterapia, in quei trattamenti cioè che utilizzano il sistema immunitario dell’organismo per attaccare le cellule tumorali. L’ultima frontiera della lotta ai tumori è stata la grande protagonista del recente Congresso della Società europea di oncologia medica tenutosi a Copenaghen.  
 
Della combinazione di molecole immuno-oncologiche innovative da usare nel trattamento di prima linea per il cancro al polmone si è discusso a Vienna nel corso della 17esima Conferenza mondiale sul tumore del polmone promossa dall’International Association for the Study of Lung Cancer. Nel caso del cancro ai polmoni, l’immunoterapia è particolarmente efficace nella forma più frequente, quella non a piccole cellule. «L’immuno-oncologia – sottolinea il professore Federico Cappuzzo, direttore Oncologia all’Ospedale di Ravenna – ha già evidenziato risultati decisivi in seconda linea nella fase avanzata della malattia. La sfida ora è individuare i pazienti che possono maggiormente beneficiare di questa nuova arma in prima linea, cioè al momento della diagnosi».  
 
Secondo il professore, sono «incoraggianti» i risultati provenienti dallo studio «CheckMate -012» presentato a Vienna sulla combinazione di nivolumab e ipilimumab nel trattamento del tumore non a piccole cellule: «I tassi di risposta obiettiva confermata in tutti i pazienti trattati sono pari al 43%, quasi il doppio rispetto alla percentuale registrata con nivolumab in monoterapia (23%). Per questi pazienti si sta sempre più concretizzando la possibilità di evitare la chemioterapia e aver accesso a farmaci innovativi caratterizzati da una tollerabilità migliore». 
 
La combinazione dei due anticorpi sembra essere la strada anche per la forma a piccole cellule, come ha dimostrato «lo studio “CheckMate-032” che ha valutato nivolumab in monoterapia e in combinazione con ipilimumab in pazienti precedentemente trattati con tumore ai polmoni a piccole cellule» ha spiegato Francesco Grossi dell’Irccs San Martino di Genova. 
 
Le possibilità di guarigione cambiano drasticamente in relazione allo stadio in cui avviene la diagnosi. Complessivamente, la sopravvivenza a 5 anni nella forma non a piccole cellule in stadio I è compresa tra il 47% e il 50%, mentre per lo stadio IV scende al 2%. Nella forma a piccole cellule, tumore che cresce più rapidamente, i tassi di sopravvivenza tendono a essere più bassi (in stadio I sono compresi tra il 20 e il 40%, in stadio IV scendono all’1%). Complessivamente, la percentuale di sopravvivenza a 5 anni delle persone colpite da carcinoma del polmone in Italia è pari al 14,3%, più elevata rispetto alla media europea (13%).  
 
Il principale fattore di rischio di questa neoplasia è rappresentato dal fumo, in crescita tra le donne (il 23% delle italiane è tabagista). Con gravi conseguenze: tra il 1999 e il 2011 l’incidenza del carcinoma del polmone è diminuita del 20,4% tra gli uomini, mentre è aumentata del 34% nelle donne. Inoltre, come ha recentemente dimostrato uno studio del National Cancer Institute americano e apparso su Jama Internal Medicine, fumare fa sempre male, dovesse anche trattarsi di una sola sigaretta al giorno. L’uso del tabacco è responsabile della morte di circa 6 milioni di persone ogni anno a livello globale; a questi si aggiungano oltre 5 milioni di morti derivanti da uso diretto del tabacco e più di 600,000 morti per esposizione a fumo passivo. Il numero totale di decessi correlati al tabacco in Europa è di quasi 700.000 all’anno. 
 
A Vienna si è discusso anche di quei casi, uno su cinque, di carcinoma polmonare non riconducibile al fumo di sigaretta. Nella sua lezione plenaria, «Is smoking a sole factor in lung cancer development?», il professor Harald Zur Hausen dell’Università di Heidelberg e premio Nobel per la medicina nel 2008 per la scoperta del legame tra il papilloma virus e il cancro alla cervice, ha suggerito che questo 20% di casi può essere dovuto anche a infezioni virali, batteriche o fungine. 
 
Tra i dati a supporto di questa ipotesi, il professore ha riportato indagini epidemiologiche che indicano un aumento del rischio di cancro al polmone e tumori orofaringei tra macellai e addetti alla macellazione, persone cioè regolarmente esposte a contaminanti provenienti da animali macellati potenzialmente dannosi per l’organismo umano. Una strada, quella relativa al legame tra infezioni e cancro al polmone, che merita di essere esplorata. 

FONTE: Nicla Panciera (lastampa.it)  

Nessun commento: